Support La Quadrature du Net!

[LaStampa] Sorveglianza: dentro le scatole nere che agitano la Francia

Perché la nuova legge francese sull’intelligence spaventa la società civile. E come intende monitorare la Rete. […]

La questione è quella del disegno di legge sull’intelligence (loi sur le renseignement), che sarà votato dall’Assemblea nazionale il 5 maggio, e che - secondo i suoi numerosi critici - instaura l’era della sorveglianza di massa sotto la tour Eiffel. E infatti non mancano i paragoni con il Patriot Act, la legge americana varata dopo l’11 settembre che ha ristretto le libertà civili negli Stati Uniti aprendo la strada ai vasti programmi di monitoraggio delle comunicazioni della National Security Agency, emersi con il Datagate e le rivelazioni di Edward Snowden. […]

Come saranno individuati questi comportamenti sospetti? Qui entrano in gioco le “scatole nere” (”boîtes noires”), che stanno facendo impazzire anche gli stessi esperti di tecnologia perché nessuno ha ben chiaro cosa dovrebbero fare. Anche la genesi dell’espressione non è limpida: attribuita a una improvvida uscita di qualche consulente del governo, è stata subito adottata polemicamente dagli attivisti pro-privacy e dagli oppositori della legge, un fronte ampio che va dalle aziende IT ad avvocati e magistrati passando per Amnesty International. […]

«Non sappiamo esattamente come funzioneranno le scatole nere. È informazione classificata», commenta a La Stampa Tristan Nitot, fondatore di Mozilla Europe, ora nell’azienda di cloud computing CozyCloud e membro del Consiglio nazionale del digitale (Conseil national du numérique- CNNum). Ma si possono guardare i metadati senza guardare al contenuto? «Bella domanda. Quando il governo e i parlamentari parlano della legge dicono che raccoglie solo i metadati. Ma non dicono di quale tipo. Dicono che si tratterà di una raccolta più in superficie, che riguarda solo alcuni pattern nei dati di connessione, per cui sarebbero catturati solo alcuni indirizzi IP. Ma l’impressione, sentendo le loro stesse parole, è che vogliano fare una vera Deep packet inspection, che guarda a mittente e destinatario delle mail, oggetto delle stesse, parole chiave, pagine web visitate dagli utenti ecc». […]

http://www.lastampa.it/2015/04/23/tecnologia/sorveglianza-dentro-le-scat...